Da Milano alle Blue Zones: a Okinawa le donne vivono in eterno

Posizionata a sud del Giappone, Okinawa è il luogo dove le donne vivono più a lungo, al punto tale che, un tempo, l’isola era chiamata la terra degli immortali.

Ma non solo, gli abitanti di Okinawa hanno una scarsa conoscenza di malattie quali cancro, demenza, disturbi del cuore e così via.

Moai e Ikigai, due forze tutte giapponesi

Forse, come già evidenziato altrove, uno dei segreti di lunga vita delle donne di Okinawa è la loro dedizione agli amici ed alla famiglia. Hanno, infatti, una rete sociale chiamata moai, ovvero una cerchia amicale con cui condividono tutta la vita.

Inoltre, gli abitanti di Okinawa hanno una forte ragione di vita – chiamata ikigai – che diventa una forza trainante nel corso di tutta l’esistenza.

Ma quali sono le lezioni che si possono applicare alla vita di tutti i giorni e che possono aiutare nel vivere a lungo e in salute? Vediamone qualcuna insieme.

Longevità e salute a Okinawa

Ikigai: gli anziani di Okinawa, ogni giorno, sanno brevemente riassumere le ragioni per cui si alzano dal letto. Questo conferisce loro il chiaro senso della loro responsabilità all’interno della famiglia e della comunità. Sentirsi utili allunga la vita!

Dieta vegetale: i centenari di Okinawa seguono una dieta a base vegetale per la maggior parte della loro vita. I pasti sono composti da verdure fresche, patate dolci e tofu.  Piatti ricchi di nutrienti, ma poveri di calorie, completati da un frutto speciale pieno di antiossidanti: la goya. E le proteine animali? Il maiale trova un posto a tavola durante le celebrazioni importanti e viene trattato come contorno, piuttosto che come piatto forte.

Giardinaggio: il giardinaggio e la coltivazione di frutta e ortaggi è lo “sport” preferito dagli abitanti di Okinawa. Mantiene il corpo attivo e riduce lo stress!

Soia: l’alimentazione a Okinawa è ricca di prodotti a base di soia, come il tofu e la zuppa di miso. Pare, infatti, che i flavonoidi contenuti in questo fagiolo proteggano da parecchie malattie, mentre i cibi fermentati mantengano l’intestino sano e pulito.

Moai, ovvero il cerchio di amicizie: quando una donna nasce a Okinawa, viene affiancata fin dalla culla da 3 o 4 coetanee con cui crescerà tutta la vita. Questo cerchio di amicizie le garantirà supporto in ogni condizione e le farà sentire il calore di un abbraccio in qualunque momento.

Sole e vitamina D: se ne parla tanto…esporsi al sole con costanza ed intelligenza favorisce ossa forti e corpi sani. Passare tanto tempo all’aria aperta garantisce un livello ottimale di vitamina D per tutto l’anno!

Attività fisica e dintorni: non solo giardinaggio, ma anche le camminate quotidiane aiutano gli anziani a mantenersi in forma. E che dire del fatto che, mangiando seduti a terra, gli abitanti di Okinawa sono costretti ad alzarsi e abbassarsi parecchie volte? Questo semplice movimento, mantiene le gambe forti (pensate ad uno squat praticato spesso) e le anche sciolte.

Piante odorose: avere a disposizione erbe, radici e spezie medicamentose è un buon modo per proteggersi dalle malattie.

When the going gets tough: un temperamento resistente, unito a delle maniere gentili permette di godere del presente, lasciando andare il passato. I piaceri più semplici possono colorare intensamente una vita intera e consentono di tenere vicini a sé gli affetti, giovani compresi!

Che invidia! #labiografadelweb vi augura una vita lunga e felice…

Vuoi restare aggiornato su tutte le storie pubblicate su MilanoCool.it? Metti un Mi Piace e condividi con i tuoi amici!

Be the first to comment on "Da Milano alle Blue Zones: a Okinawa le donne vivono in eterno"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.