I Navigli di Milano: ecco qualche piccola curiosità che non tutti conoscono

Tutti sanno che i Navigli sono una delle zone in assoluto più belle di Milano, che con il passare del tempo è diventata anche davvero molto cool e fulcro della movida notturna cittadina. Tranne questo, sono poche altre le informazioni che la maggior parte delle persone conosce sul Naviglio Pavese, Grande, Martesana, di Bereguardo e di Paderno.

Ecco allora una lista di notizie, informazioni e curiosità che dovete assolutamente sapere:

  • I Navigli di Milano nascono con l’obiettivo di riuscire ad avere sempre acqua a disposizione per l’irrigazione dei campi. Si tratta infatti di un vero e proprio sistema di idrovie artificiale che collega i laghi della Lombardia con Milano. Non solo, i Navigli sono stati utilizzati in passato anche per il trasporto delle merci, tramite apposite chiatte. Si trasportava ogni tipologia di merce, dai beni alimentari di prima necessità sino al marmo per la realizzazione del Duomo. Lo sapete che oggi è possibile effettuare lo stesso percorso di queste merci grazie ad apposite barche messe a disposizione dei turisti? Si tratta di un percorso da intraprendere assolutamente, o in alternativa potete anche decidere di salire su una gondola per una passeggiata più romantica, intima e rilassante. Ovviamente per poter garantire il corretto scorrimento dell’acqua, i Navigli hanno un loro sistema di chiuse. Non tutti sanno che questo sistema è stato perfezionato niente meno che da Leonardo da Vinci in persona, su richiesta di Ludovico Il Moro. Un motivo in più per visitare questa zona della città, non sembra anche a voi?
  • Sono molti gli appuntamenti fissi sui Navigli. Tra questi, dobbiamo sicuramente ricordare il mercato dell’antiquariato che ha luogo ogni ultima domenica del mese sul Naviglio Grande. Si tratta di un mercato di grandi dimensioni dove è possibile andare alla scoperta di molti oggetti e mobili del passato, un vero e proprio tuffo indietro nel tempo insomma che rende una passeggiata sui Navigli di Milano se possibile ancora più magica e ricca di emozioni.
  • Proprio sul Naviglio Grande, è presente la Casa delle Arti – Spazio Alda Merini. Al primo piano è possibile accedere alla ricostruzione della camera da letto della poetessa, così da potersi immergere nella sua intimità e nella sua sensibilità. Nonostante questa non sia stata la vera casa di Alda Merini, i mobili e tutti gli effetti personali sono originali, autentici. Anche la porta d’ingresso è quella originale della casa di Ripa Ticinese, con sopra alcune scritte realizzate con il rossetto. Sono i numero di telefono di alcuni amici che Alda Merini decise di segnare proprio in questo modo. Sono anche presenti immagini e ritratti di Alda Merini, realizzati dal suo fotografo ufficiale Giuliano Grittini. Infine poesie, note biografiche, note bibliografiche, la macchina da scrivere della poetessa, il suo tavolo, vestiti, collane e molto altro ancora. Al piano terra, è presente invece un caffè letterario dove è semplicemente meraviglioso fermarsi per una pausa rilassante e acquistare magari qualche libro della famosa poetessa.
  • Alla confluenza tra il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese, si trova la Darsena, che oggi è tornata al suo antico splendore e che offre dimora al Mercato Comunale. È semplicemente meraviglioso passeggiare in questa zona, dove un tempo approdavano le barche cariche di merci, fare un giro al mercato osservando alcuni dei prodotti locali più interessanti, lasciarsi andare ad un aperitivo in zona, che per i milanesi è un vero e proprio rito. La zona della Darsena è stata riqualificata, con moli e banchine che sono suggestivi e carichi di fascino e che nulla hanno da invidiare alle città sui canali più famose al mondo, come Amsterdam oppure Stoccolma. Quasi insomma non vi sembrerà neanche di essere a Milano!

Be the first to comment on "I Navigli di Milano: ecco qualche piccola curiosità che non tutti conoscono"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.